domenica 15 giugno 2008

EVO - ERA

Un colpo d’occhio in giro per il Mondo.

NON E’ UN MONDO PER VECCHI (si muore prima se non si bara al gioco, ma con quali vantaggi?)
NON E’ UN MONDO PER BAMBINI (per la maggior parte non sono mai stati bambini)
NON E’ UN MONDO PER DONNE (le stuprano se non le infibulano)
NON E’ UN MONDO PER LAVORATORI (o non ce n’è o sono sterminati come mosche)
NON E’ UN MONDO PER LA VERITA’ (essa viene perseguitata e duramente punita)
LE RELIGIONI? sono al di fuori di questo Mondo
LA GIUSTIZIA è un concetto astratto e relativo.
LA SANITA’ di MENTE e di CORPO è come la giustizia, così come la CULTURA.

QUELLI PER I QUALI IL MONDO E’, probabilmente sono alieni – sono furbi. Noi non lo sappiamo proprio per questo. I MILITARI DIFENDONO IL LORO MONDO senza saperlo. Proprio per questo essi sono furbi. Sanno convincerli senza farsene accorgere.
Come se ne esce? A giudicare dall’intero XX° SECOLO (non dagli ultimi 30 o 40 anni che potrebbe essere un arco di tempo non significativo) non se ne esce.

Ci sono molte, moltissime attinenze tra questa Epoca e la decadenza (caduta) dell’Impero Romano.
Ma la decadenza dell’Impero Romano è durata 300 – 400 anni, e dopo, bene o male, ci sono stati i Tempi Moderni.
Questa decadenza quanto durerà? E che cosa ci sarà dopo?
Come se ne sarà usciti (se se ne sarà usciti)?

2 commenti:

Dalila ha detto...

Scusa se ti rispondo in ritardo... secondo me vale l'anologia per cui la vita della terra (e dei popoli) corrisponde alle tappe della vita del singolo. E quindi ciò che caratterizza le tappe del singolo caratterizza le ere che si susseguono come fossero tappe.
Io di tappe ne vedo 14, di cui 7 fondamentali e le altre di passaggio, cioè vie di mezzo tra una tappa fondamentale e l'altra che hanno quindi un po' della prima e un po' della seconda:
1)La nascita (fonamentale)
2)Lo svezzamento
3)La prima infanzia (Fondamentale)
4)L'infanzia o età dell'asilo
5)La fanciullezza o età elementare (fondamentale)
6)la preadolescenza o età delle medie
7)L'adolescenza o età delle superiori (fondamentale)
8)L'età del giovane adulto (primi lavori o università)
9)Età dell'adulto (fondamentale)
10)Età del giovane vecchio (quasi in pensione o inizio di pensione ma con hobbies)
11)Vecchiaia (fondamentale)
12)Agonia
13)Morte (fondamentale)
14)Passaggio per un nuovo inizio, per una nuova "concezione".

Fare l'esempio di ognuna credo che sia lungo, e secondo me è più divertente pensarci da soli, ma per essere "brevi", quello che voglio dire è che se nella preistoria eravamo come bambini che stavano imparando a muoversi e a parlare, e se fino ai primi del novecento noi popoli eravamo come degli studenti che facevano nuove scoperte (anche se dal 1800 credo già stessimo nell'era preadolescenziale). Ora siamo come degli adolescenti (e forse tra non molto giovani adulti)e qual'è la tappa fondamentale degli adolescenti? La scoperta e la curiosità per il sesso, credo che sia inutile fare esempi al riguardo, ma ciò vorrà dire che la prossima tappa fondamentale sarà l'età adulta, e cosa caratterizza l'età adulta se non il lavoro? Infatti quando tutti i popoli staranno con l'acqua alla gola per poter vivere allora la cosa più importante sarà avere un lavoro, e le agenzie di collocamento saranno più "sexy" dei sexyshop, ma a quel punto lavorando tutti come matti per vivere sarà inevitabile anche l'ultima tappa: la vecchiaia, infatti a furia di lavorare avremo sfruttato ogni risorsa disponibile della nostra terra che ormai sarà vecchia e consumata. E a quel punto cosa succederà? Chi lo sa, c'è chi dice che la morte è un nuovo inizio, e io mi trovo daccordo con questa opinione, un inizio nuovo in un posto lontano tutto da riscoprire.. mi piace pensarla così!
Ma ho paura che a differenza degli individui che percorrono più velocemente le prime tappe rispetto alle ultime, la vita della terra percorra più velocemente le ultime tappe rispetto alle prime... anche questo avrà un suo perché!

Anonimo ha detto...

O.K.
molto suggestivo (si vede che sei una psicodott.ssa); anche se, secondo me, il talismano in tasca per dire come stanno effettivamente le cose, ovviamente non ce l'ha nessuno. Quindi continuiamo a dire e fare la nostra, e a sperare.
Ciao pa'