mercoledì 28 marzo 2007

UN BLOG AL GIORNO TOGLIE IL MEDICO DI TORNO

sottotitolo: LA LUNA E LA MELA

I tempi cambiano.
Una volta si diceva "una mela al giorno toglie il medico di torno". Lo si dice anche oggi, anzi ci sono iniziative civiche al riguardo, ma, come per l'opera lirica o la tragedia greca, in tono arcaico, più o meno risalente.
Fino a 2 o 3 giorni fa, non sapevo neanche di che cosa si trattasse e adesso, invece, ho scoperto il blog. Devo ringraziare mia figlia Sabrina che, a conoscenza di alcuni sms su argomenti vari, che mi dilettavo a spedire ai miei amici per cercare di tenere contatti resi sempre più difficili dall'incalzare della vita di oggigiorno, mi ha detto: papà tu saresti un buon blogger.
Per me è stato come se mi avesse detto "puoi andare sulla Luna".
E per me è stato davvero come andare sulla Luna, scoprire un mondo nuovo, pieno di fermenti, di novità, di possibilità. Mi sono poi reso conto che questa Luna era come una mela perché, a differenza di quella vera, dove "nun ce sta nisciuno", era frequentata da tanti. E mi sono accorto che anche gli altri, come me, trovavano nel poter esprimere liberamente le proprie idee, le proprie riflessioni, osservazioni, critiche ecc. e nel comunicarle, confrontarle, condividerle, viverle con altri ancora, una grande gioia... la Luna (forse era così per i radioamatori, ed è ancora per i pochi rimasti).
In questo senso la Luna è come la mela, ed un blog al giorno toglie il medico di torno, come la mela. Quindi non tutto ciò che riguarda i tempi moderni è da buttar via, così come non è da osannare. I tempi moderni sono i tempi moderni e bisogna anche un po' prenderli così come sono. Pertanto invito tutti a creare il proprio blog e a visitare quello degli altri; semmai i più inesperti o i meno esperti, facendosi aiutare da altri. io sono inespertissimo e così mi hanno dato una mano le mie figlie, Dalila, oltre a Sabrina, e presto arriverà certo qualche ulteriore arricchimento da Monica, o da mia moglie Maria Rosaria che, ormai, conosce il computer meglio di me, più in là, magari, aggiungeranno qualcosa i miei nipoti Anna, Liam, Luca e Clara o altre persone, i miei generi Massimo e Massimiliano, Andrea, forse, il fidanzato di Dalila, chi sa... collaborare per fare qualcosa di tranquillo, pacifico, amichevole e buono, non oppressivo, deprimente, violento, distruttivo, che bello!
Diciamocelo chiaro e tondo: qui oltretutto c'è un risvolto sociale non indifferente, che, in questo caso, non è l'incremento del consumo di mele, senza nulla togliere a tale apprezzabile intento.

Vi immaginate se tutti davvero andassero su questa Luna, in fondo così facile da raggiungere?

Se ciascuno anziché darsi da fare per sottomettere, uccidere, inquinare, rompere le scatole al prossimo, scrivesse il proprio blog quotidiano e si interessasse di quello che scrivono gli altri?
Si spezzerebbero le reti di oppressione e si creerebbero reti di forza da cui potrebbero trovare avvio la presa in considerazione e l'esame dei tanti problemi che affliggono l'Umanità e, infine, perché no, la loro soluzione.
Si potrebbero trovare messaggi di questo tipo:
Ragazzi e ragazze di 20 - 25 - 30 anni, a parte la droga che dilaga tra il chiacchiericcio generale, stupri, violenze, i morti del Sabato sera, la delinquenza organizzata e così via, ATTENZIONE! Se vi siete scansati tutto, potreste tuttavia saltare in aria su una mina in Etiopia, nel Kosovo, in Iraq o in qualsiasi altra parte del Mondo, perché mandati lì, ma anche a casa vostra, in un pullman o in un treno, perché... così è. Si potrebbe, forse, onestamente, sinceramente e fondatamente trovare, o almeno cercare il modo di evitarlo? Nessuno, penso, si sentirebbe di rifiutarsi di porsi il problema, si ostinerebbe ad opporsi a che sia un problema, o a sostenere dialetticamente il sentimento della morte in contrapposizione al sentimento della vita.

Un simile messaggio da un ultrasessantenne come me, rivolto ad altri di qualsiasi età, che vanno a cinema, in discoteca, in ufficio, o a portare a spasso il cagnolino, riempirebbe il Mondo di bestemmie, perché sarebbe una bestemmia interrompere, in modo imperioso e impositivo, una vita soprattutto se giovane o giovanissima, così suonerebbe come una bestemmia l'ulteriore vita vissuta da chi è andato avanti non più con naturalezza e semplicità, ma col peso enorme di essere, sostanzialmente, sopravvissuto ai tanti che sono morti prima.

Ancora altri messaggi, ancora altre bestemmie:
A parte le grandi epidemie, l'AIDS, la fame nel Mondo, tragedie dell'Umanità alle quali si provvede con stormi di aerei cargo che scaricano tonnellate di cibo e medicinali scaduti se non avariati, a parte i genocidi, massacri, la tratta degli schiavi, la deforestazione, l'inquinamento atmosferico, il depauperamento della fauna, lo scioglimento dei ghiacci polari e l'arretramento dei ghiacciai, i cataclismi atmosferici, ai quali si provvede con trattati non sottoscritti e comunque non rispettati, SAPETE VOI che vi sono Paesi totalmente senza acqua? E quella non possono scaricarla i cargo né servono firme sotto pezzi di carta. Per quella ci sono persone che percorrono a piedi (il più delle volte scalzi) anche 40 km con una bacinella sulla testa e oltrepassano confini esistenti solo sulle mappe coloniali, presidiati da guerrieri armati fino a i denti. VOI (il "voi" qui è, naturalmente, un "noi") che la mattina aprite l'acqua del rubinetto e non vi accorgete neanche di quanta ne scorre prima che diventi fresca, secondo il vostro gusto.

Anche questa è una bestemmia come tante altre. E chi sa che dalla reazione a tante bestemmie, non possa, infine, nascere il Mondo nuovo.

E' come per la Poesia.
Sono convinto che nell'animo di ciascun individuo vi sia una scintilla poetica, anche il più efferato assassino, bieco speculatore, o arido arpagone; quindi, in tal senso, tutti siamo poeti e potremmo scrivere poesie.
Ma vi immaginate... se tutti davvero scrivessero poesie?
Ci sarebbe molto meno spazio per guerre, sopraffazioni e distruzioni, e molto più spazio per l'amore e le gioie della vita.

Ciao a tutti

E' il giorno del mio 63esimo compleanno.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Uffa ma perchè sempre pure Monica e Dalila..una volta tanto che mi avevi riconosciuto il merito di qualcosa...
vabbè comunque auguri per il tuo compleanno.
Sabrina

Anonimo ha detto...

sciocca non vedi che è stato valorizzato il tuo contributo? Pa'

mozzo ha detto...

questa mi è proprio piaciuta. ben venuto sulla luna!

Anonimo ha detto...

credevi forse che il tuo pa' fosse come le 3 scimmiette?