lunedì 11 febbraio 2008

DI BENE IN MEGLIO

AVETE VISTO COME SIAMO MESSI BENE?
Veltroni, aspirante premier, di ritorno da un lungo viaggio interplanetario, dà un’occhiata alla situazione politico-economica italiana e dice: “Voi non avete capito niente. Meno male che ci sto io, puro e vergine, non coinvolto, che posso tastare il polso e concludere: PIU’ SALARIO MENO TASSE, SI PUO’ FARE !" (A' Veltro’ e nun te dimentica’ d’e ferie! Vanno incrementate eh!).
Berlusca, l’altro aspirante premier, invece, più vicino ai fatti, più pratico, conclude: “7 Miliardi (di €!?! Alla faccia...!) di deficit è l’eredità che ci lascia il governo Prodi! Ammanco che, ovviamente, il prossimo governo dovrà risanare" [ con (cospicui) interessi, è naturale].
Minghia! E il tesoretto? Boh! Secondo me, se non è già “andato”, ben presto, “andrà” [Il predetto highlander ha già annunciato che è una fola (annotazione del 12.2.) e, come è noto, ciò che (è o) non è nella comunicazione, (è o) non è in natura].
In definitiva, chiunque vinca c’è un futuro assicurato per l’Italia: NUOVE (inutili e dannose per noi, ma utilissime e fruttuosissime per i nostri politici) ELEZIONI ENTRO IL PROSSIMO ANNO.
E vi pare poco? Riuscire a prevedere il futuro e regolarsi di conseguenza?

2 commenti:

commento tecnico ha detto...

O.K.

Anonimo ha detto...

Un grande statista disse una volta: non ho da offrirvi che sangue, fatica, sudore e lacrime, ed ebbe un grande successo.
Meglio sarebbe stato se Veltroni avesse promesso di fare tutto il possibile per migliorare la situazione italiana, anziché promettere aumenti di stipendio e riduzioni di tasse (a parte le ferie), come fanno tutti, anche nelle barzellette.