sabato 31 gennaio 2009

LE RAGIONI DI LULA E DI CARLA'

Cesare Battisti e l'Italia
L'ITALIA è posizionata più o meno:
al 140° posto nel Mondo per quanto riguarda la fiducia nell'Amministrazione della Giustizia;
al 70° posto per quanto riguarda la libertà di Stampa;
al 1° posto per quanto riguarda stragisti, piduisti, politici assetati di potere che non abbandonano MAI, corrotti e con le mani sporche di sangue e, della stessa categoria, banchieri, servizi segreti, magistrati, giornalisti che non hanno mai pagato per le loro colpe;
ai primissimi posti per i criminali assassini, mandanti (ignoti per dogma), conniventi (spesso noti, ma immuni per dogma) ed esecutori e fiancheggiatori per pseudoideologia di estrema dx o sx (si fa per dire), che avendo commesso il più alto numero di omicidi nel cd. mondo civilizzato, ugualmente l'hanno sempre fatta franca.
Tutti quelli di cui sopra oltre ad essere liberi e felici come fringuelli, parlano per televisione ossessivamente, pontificano nelle Università, sui giornali, pubblicano best seller, trovano, quindi, audience tra professori, burocrati, editori, direttori.
Di tutto questo non parla mai neanche il più tapino giornalino parrocchiale.
Sempre ai primissimi posti siamo (a parte il debito pubblico) per Mafia, Camorra e 'Ndrangheta, mancanza di cultura (in Italia si aprono in un anno tanti libri quanti se ne aprono, probabilmente, in Francia, Germania, Spagna in una settimana - lasciando perdere teatro, musica, musei e quant'altro), degrado nella ricerca scientifica, mancanza di prospettive, di lavoro, e frustrazione sul lavoro, stupidità e incapacità nei rapporti inter razziali, inter religiosi e con altri popoli, ingerenza della Chiesa Cattolica negli affari interni dello Stato, con tutto il rispetto per la Chiesa Cattolica, lo dico da praticante la Religione Cattolica (ma nel sistema moderno occidentale, lo Stato è laico per definizione), abusi e ottusità nei confronti delle donne, provincialismo e presunzione nei rapporti sociali e verso altri Stati, e così via.
A questo punto, niente niente sul piatto della bilancia di Lula e Carlà ha pesato in modo decisivo il nome dell'estradando?
Interrogativo semiserio.
Ma, tra il serio e il faceto (si ride anche per non piangere), parlando ora sul serio, l'interrogativo è:
E' il Mondo che sta cambiando e noi non siamo (più) in grado di confrontarci con esso, o non siamo capaci noi di cambiare il Mondo?

2 commenti:

sami ha detto...

salva -la rai e annozero .santoro-marco t.. sono di sposto a pgare dopio canone la rai si ....

Anonimo ha detto...

domanda marzulliana