mercoledì 3 dicembre 2008

L'IVA e MURDOCH

SUGGERIMENTI per Rupert Murdoch

Il de la Fayette delle sinistre italiane ha attualmente 77 ville, 17 barche, 7 aerei privati e una moglie di 70 anni più giovane di lui.
Ora che gli hanno aumentato l'IVA portandola al 20% come tutti i buoni cristiani, è depresso, ma può uscirne. Ha due possibilità:
Fare lo splendido ACCOLLANDOSI TUTTA LA MAGGIORAZIONE, ma forse non è richiedibile, perché scenderebbe così a 55 ville, 12 barche, 3 aerei privati e una moglie di 50 anni più giovane (una vera débacle).
In alternativa potrebbe DIMINUIRE UN PO' il canone - diciamo 5 punti - (così automaticamente diminuisce anche l'IVA), ne deriverebbe un maggior costo, di poco rilievo, che risulterebbe, in tal modo, equamente ripartito tra lui e l'utenza - questo è più realistico e rispondente ad uno spirito umanitario verso il poverino, che dovrebbe, certo, accontentarsi di 66 ville, 15 barche, 5 aerei privati e una moglie di 60 anni più giovane.

Non ci sono altre possibilità, a meno di non volere a tutti i costi salvaguardare gli utenti Sky; nel qual caso si dovrebbe del tutto eliminare l'IVA sulle emittenti del sig. Murdoch, il costo dell'abbonamento andrebbe ai minimi termini e il numero degli abbonati alle stelle, questo porterebbe il nostro ad 89 ville, 29 barche, 19 aerei privati e una moglie di 90 anni più giovane.
Ma... forse è un po' esagerato. Non mi sembrerebbe il caso.

Nessun commento: